L'inno nazionale britannico: Dio salvi la Regina

L'inno nazionale britannico viene ascoltato prima che gli inglesi giochino a calcio. Se ne possono ascoltare frammenti in vari film e serie. Tutti hanno sentito una parte dell'inno nazionale britannico - God Save the Queen. È interessante notare che l'origine di questa canzone non è molto chiara. È addirittura possibile che la canzone non sia originaria della Gran Bretagna, ma della Francia!

L'origine dell'inno nazionale britannico

Sebbene ci siano molte ambiguità riguardo all'inno, alcune cose sono certe. È chiaro che l'inno nazionale britannico risale al XVIII secolo. Tuttavia, è molto probabile che per creare l'inno siano state utilizzate parti di altre canzoni, molto più antiche. La musica dell'inno è stata creata prima del testo. Anche chi ha composto la musica non è del tutto chiaro. Tuttavia, di solito viene attribuito a uno di questi signori: John Bull, Thomas Ravenscroft, Henry Purcell e Henry Carey. Henry Carey è il più noto di questi e di solito ottiene il merito di aver creato la musica. Tuttavia, è anche molto probabile che la melodia sia una combinazione di diverse melodie composte da questi signori.

 

Il brano si basa su una canzone francese del 1686: "Grand Dieu Sauve Le Roi". Tradotto liberamente significa "Dio, salva il Re". Il titolo dell'inno nazionale britannico ha quindi più o meno lo stesso significato: "Dio, salva la Regina".

 

È molto probabile che esista una versione precedente della canzone, scritta per il re Giacomo II nel XVII secolo: "God Save Great James Our King". Una versione successiva fu scritta per Re Giorgio. Poiché all'epoca in cui fu scritta la canzone britannica c'era un re sul trono, il titolo originale non era "God, save the Queen" (Dio salvi la Regina), ma "God, save the King" (Dio salvi il Re). Il testo fu pubblicato per la prima volta nella rivista Thesaurus Musicus nel 1744. Nel 1745 fu pubblicato su The Gentleman's Magazine. Il testo era già stato leggermente modificato. Nel 1745 la canzone fu eseguita per la prima volta anche a Londra.

Ufficialmente nessun inno

Sebbene la canzone sia conosciuta in tutto il mondo come inno nazionale britannico, non lo è ufficialmente. Non è mai stata designata come tale dal Parlamento britannico. Non esiste nemmeno una versione della canzone che sia stata generalmente approvata. Anche se non è un inno ufficiale, è quello che si sente quando gli inglesi giocano a calcio, per esempio.

 

È una tradizione che non ha regole, e se c'è una cosa che i britannici generalmente apprezzano è proprio la tradizione. Pensate di andare al pub nel fine settimana e di fare pazientemente la fila per qualsiasi cosa. Tra l'altro, l'inno è usato solo dall'Inghilterra stessa. Scozia e Galles hanno i loro inni.

Altre melodie simili

God Save the Queen" ha una melodia che può suonare familiare. Parti della melodia sono state incorporate in altre melodie. Beethoven, ad esempio, ha utilizzato il brano in ben sette variazioni nella sua musica. Anche Haydn e Brahms si sono ispirati a questa melodia. Inoltre, la musica dell'inno nazionale non ufficiale britannico è stata utilizzata anche da altri Paesi come base per i loro inni nazionali. Oben am jungen Rhein", l'inno del Liechtenstein, utilizza la stessa melodia. Anche l'americana "My country 'Tis of Thee" ha la stessa melodia.

Storia britannica

Sebbene il British National Anthem non sia ufficialmente un inno nazionale, ha svolto un ruolo importante nello sviluppo di altri inni nazionali e melodie composte da famosi compositori. È quindi indissolubilmente legata alla storia della Gran Bretagna.

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email